La costa sud ovest dello Sri Lanka

2° GIORNO IN SRI LANKA – mercoledì 03 agosto 2016 (parte 2)

La costa sud-ovest dello Sri Lanka è rinomata per le belle spiagge. In tutte le guide e i blog di viaggio leggerete invitanti racconti su questa parte dell’isola, che offre strutture ricettive, spiagge attrezzate e la possibilità di fare attività come surf, osservare le tartarughe che depongono le uova e l’avvistamento delle balenottere azzurre (whale watching). Vale la pena, dunque, trascorrere qualche giorno di relax in località come Unawatuna, Mirissa o Tangalle, ma non nel mese di agosto, quando l’oceano è mosso, c’è vento e il rischio di piogge è elevato! Per questo motivo abbiamo deciso di non fermarci in questa zona, facendola solo di passaggio per andare a Uda Walawe.

Lasciamo dunque Galle e percorriamo la strada costiera, dove si susseguono alberghi (alcuni ancora in costruzione), guesthouse, templi con le statue di Buddha e i bianchi dagoba e una folta vegetazione, che lascia aperta ogni tanto una finestra sul mare, mosso appunto. Vicino a Weligama, dovremmo vedere i famosi pescatori sui trampoli, l’immagine di copertina dello Sri Lanka. Tuttavia, al nostro passaggio, troviamo solo i trampoli fissati in acqua e nessuna traccia dei pescatori! Prasanna ci spiega che in realtà la pesca non si pratica più sui trampoli e che i famosi pescatori, oggi, sono solo un’attrazione turistica. Infatti, come avevo letto, si fanno pagare per essere fotografati. Nonostante tutto, mi dispiace di non averli visti, perchè sono un simbolo del posto.

Ci fermiamo a Dikwella, dove si trova il Wewurukannala Vihara, un tempio buddhista con la statua del Buddha seduto più grande dello Sri Lanka (o almeno così dice la guida!). Anche in questo caso, per entrare dobbiamo toglierci le scarpe e coprirci braccia e ginocchia. Il tempio è dislocato su diversi livelli e si resta scalzi anche per camminare sulla terra o sul cemento che collega le varie parti. Non vi dico come sono conciati i nostri piedi al termine della visita!

srilanka16_mb-211

Wewurukannala Vihara

Entriamo nella struttura principale, che custodisce diverse statue di Buddha sdraiato e seduto. Le pareti sono sempre decorate con colori accesi e ci sono altre statue di personaggi simbolici, anch’esse variopinte. La vivacità dei colori è certamente un tratto distintivo dei templi buddhisti singalesi. All’esterno della struttura principale c’è un dagoba e, salendo dei gradini, si arriva ad una zona di preghiera, dove è presente anche un elefante. Molti templi buddhisti hanno infatti l’elefante, che viene utilizzato per le cerimonie. Inizialmente la vista dell’elefante incatenato non mi ha fatto una bell’effetto, ma, durante la vacanza, ho avuto modo di vedere con quanta cura sono trattati questi pachidermi e di capirne l’importanza religiosa. Alle spalle del tempio, si innalza il grande Buddha dorato seduto, alto 50m. La schiena della grande statua poggia su una struttura di sei piani, che termina con una terrazza all’altezza della testa di Buddha, da cui si vede la folta giungla circostante. I piani sono vuoti, con le pareti completamente ricoperte da dipinti sul buddhismo.

srilanka16_mb-190

Interno del Wewurukannala Vihara

srilanka16_mb-194

Alle nostre spalle la statua del Buddha seduto più grande dello Sri Lanka

srilanka16_mb-206

Pareti interne dell’edificio alle spalle del Buddha seduto

Proseguiamo lungo la costa, per una tappa al tramonto sulla spiaggia incontaminata di Marakolliya, vicino a Tangalle. Per raggiungere questa spiaggia bisogna percorrere una strada sterrata, che attraversa una laguna, dove incontriamo anche qualche mucca in libertà! Prasanna non è mai venuto in questo posto e la posizione defilata lo rende un angolo ancora più magico. Arriviamo alla spiaggia attraverso un bar vicino ad un resort nascosto tra la vegetazione; davanti a noi chilometri di sabbia e palme: la pace più totale. Mentre qualche ospite del resort prede il sole, noi ci sediamo al bar e ci rilassiamo in attesa del tramonto. Dei ragazzi singalesi ci invitano a giocare una partita di beach volley, dopo la quale Marco, Ricky e Davide hanno il coraggio di fare un tuffo nell’oceano irrequieto.

srilanka16_mb-216

Spiaggia di Marakolliya

srilanka16_mb-223

Bar sulla spiaggia di Marakolliya

srilanka16_mb-225

Aspettando il tramonto a Marakolliya

Vicino alla spiaggia di Marakolliya, si trova Rekawa Beach, dove di sera si possono avvistare le tartarughe che vengono a deporre le uova, ma decidiamo di non fermarci e di raggiungere Uda Walawe per cena, considerando anche la sveglia all’alba dell’indomani. Verso le h18.30 ripartiamo per il Mansala Safari Resort, la nostra guesthouse a Uda Walawe, dove ci attende una tipica cena singalese. Oltre a riso e verdure, assaggiamo un’alta specialità locale, il deviled chicken, cioè pollo fritto con salsa piccante e cipolle. Nella guesthouse non si entra con le scarpe, ma si cammina a piedi nudi. C’è una sala comune, dove viene servita anche la cena, e da lì si accede alle diverse camere. L’arredamento delle camere è molto basic, ma il letto è grande e le stanze sono pulite. La casa è circondata da un giardino con alberi da frutto e il proprietario ci mostra le volpi volanti appese agli alberi, che di notte si nutrono appunto della frutta. Non vi preoccupate, tutte le finestre sono dotate di zanzariere resistenti!

INFORMAZIONI PRATICHE:

  • Il costo dell’ingresso al tempio Wewurukannala Vihara è di 200 Rs/persona e la durata della visita è di circa 45 minuti.
  • Il nostro alloggio a Uda Walawe è il Mansala Safari Resort, dove abbiamo prenotato 3 camere doppie per 1 notte al costo complessivo di 69,oo euro. La cena ha un costo a parte e viene fatta su richiesta, cosi come la colazione. Il pagamento è in contanti.
  • Come detto all’inizio del post, il mese di agosto non è l’ideale per godere delle belle spiagge del sud; meglio dedicarsi alla costa nord est, dove il clima è secco.
  • Il tempo di percorrenza in auto da Galle a Uda Walawe, passando per la strada costiera, è di circa 3.30h.
  • Moneta locale: la moneta dello Sri Lanka è la Rupia dello Sri Lanka (tasso di cambio indicativo: 1,oo euro = 162,00 Rs).

About the Author

Viaggiconme
Author with 69 posts
More about Viaggiconme

Mi chiamo Silvia e amo viaggiare. Dopo tanti bellissimi viaggi fai da te, è diventata sempre più forte la mia voglia di condividere la ricchezza e l'esperienza che ogni viaggio mi regala: nasce così ViaggiConMe. ViaggiConMe condivide tutto ciò che un viaggio può ispirare: racconti, immagini, riflessioni, emozioni, citazioni, notizie, consigli e soprattutto la voglia di andare.

Related Articles

Leave a Comment

About me

I prossimi viaggi

Agosto 2017 - Perù