Union Square, Gramercy Park, Madison Square e MoMA

Dopo il pranzo in Fulton Street, prendiamo la metro per andare in Union Square. Per raggiungere la fermata di Fulton Street passiamo vicino al Titanic Memorial, un faro costruito nel 1913 in memoria delle vittime del naufragio.

La metropolitana di New York risale agli inizi del 1900 e ancora oggi la sua struttura conserva elementi di oltre un secolo fa, come le travi in ferro con i bulloni. Arrivati alla fermata di Fulton Street, dobbiamo scarpinare ancora un bel po’ sottoterra per raggiungere il binario: sembra quasi una città sotto la città!

DSCN0648Union Square è il punto in cui agli inizi del XIX secolo si univano Broadway e la Fourth Ave. Sulla scalinata in pietra, che lascia spazio allo Union Square Park, si trova gente di ogni tipo: gruppi di giovani intenti a chiacchierare, impiegati in pausa, artisti di strada, punkabbestia, skateboarder e chiunque passi di lì, come noi. Dunque, Union Square simboleggia anche l’unione di diverse personalità. Per darvi l’idea della grande varietà di personaggi, quando arriviamo, in mezzo alla piazza si sta esibendo un tizio in mutande con una lunga barba, ballando in modo scoordinato al ritmo di una musica proveniente da un piccolo amplificatore. Se questo possa definirsi un artista non lo so, ma di certo è stravagante! Sul lato sud-ovest della piazza si trova inoltre il Metronome, un’installazione artistica che simboleggia il passare del tempo, affiancata da un orologio a 14 cifre.

Con una breve passeggiata arriviamo nel quartiere di Gramercy, dove si trova il Gramercy Park. Il parco è circondato da un alto cancello di cui solo i residenti hanno le chiavi, quindi noi ci limitiamo a guardare attraverso le sbarre. Intanto ci fa compagnia qualche scoiattolo, che preferisce alloggiare sugli alberi appena fuori dal parco. Gramercy è un quartiere residenziale molto tranquillo, con viali alberati fiancheggiati da townhouse degli anni ’20.

Foto16Proseguiamo verso Madison Square, la grande piazza da cui si ammira il famoso Flatiron Building, posto all’incrocio tra Broadway, Fifth Ave e 23rd Ave. Il grattacielo Flatiron ha una forma triangolare, tipo un ferro da stiro appunto, e per questo è unico nel suo genere. E’ stato costruito nel 1902 con una struttura in ferro e inizialmente ha destato qualche perplessità, sia per la forma sia per la posizione esposta a correnti d’aria, che avrebbero potuto metterne a rischio la stabilità. In Medison Square si trova il Madison Square Park, con un’area dedicata ai cani, dove facciamo una sosta.

Con le gambe che iniziano a cedere per la stanchezza, ci trasciniamo fino alla metro per dirigerci al Museum of Modern Art (MoMA), nella Midtown, che il venerdì dalle h16.00-20.00 è ad ingresso gratuito. Per maggiori info: http://www.moma.org. La nostra visita dura circa due ore, ma le energie sono ridotte veramente al minimo, del tipo che ci sediamo appena compare una sedia o un divanetto! Sicuramente questo museo è tra le cose da rivedere nella mia prossima gita a New York.

Quando usciamo dal MoMA, il sole è appena tramontato e prendono vita le luci delle auto e delle insegne luminose. Per cena andiamo da Ellen’s Stardust, un locale molto singolare, dove i camerieri sono in realtà dei cantanti e si esibiscono servendo ai tavoli. Lo show è di alto livello ed è un piacevole accompagnamento all’ottimo hamburger! Assolutamente da non perdere! Non è possibile prenotare, ma c’è un rapido turnover di clienti. Noi ad esempio, pur essendo in cinque, abbiamo trovato posto rapidamente.

Foto20Mentre torniamo verso l’albergo, passiamo in Times Square, che di sera è spettacolare. A dire il vero tutta New York di sera è magnifica. C’è un sacco di gente e gli occhi si perdono nel bagliore dei pannelli pubblicitari: non si sa più dove guardare! Inoltre, i negozi vicino a Times Square sono aperti fino a notte fonda, quindi, per non farci mancare niente, facciamo anche un po’ di shopping prima di rientrare in albergo.

Ormai la fase di stanchezza è superata e potremmo stare ancora fuori, ma domani mattina abbiamo un appuntamento molto presto con Lady Liberty!

About the Author

Viaggiconme
Author with 69 posts
More about Viaggiconme

Mi chiamo Silvia e amo viaggiare. Dopo tanti bellissimi viaggi fai da te, è diventata sempre più forte la mia voglia di condividere la ricchezza e l'esperienza che ogni viaggio mi regala: nasce così ViaggiConMe. ViaggiConMe condivide tutto ciò che un viaggio può ispirare: racconti, immagini, riflessioni, emozioni, citazioni, notizie, consigli e soprattutto la voglia di andare.

Related Articles

Leave a Comment

About me

I prossimi viaggi

Agosto 2017 - Perù