Forio d’Ischia, Baia di San Montano, Belvedere di Serrara Fontana

Come possa un’isola così piccola racchiudere in sé così tante peculiarità da risultare unica e perfetta all’occhio del viaggiatore non lo so, ma resta il fatto che Ischia ha qualcosa di speciale.

Ischia si presenta come una montagna completamente ricoperta da un manto verde. Un’esplosione di verde punteggiato dal bianco dei gigli e dal viola delle bouganville, che lascia la roccia nuda solo in prossimità del mare. Il profilo montuoso che si nasconde sotto questa folta vegetazione è in realtà un vulcano, che custodisce il tesoro più prezioso dell’isola: le sorgenti di acqua termale. Di questa ricchezza naturale si può godere nei parchi termali e in alcuni tratti di litorale dove l’acqua è calda. Oltre ai meravigliosi paesaggi e alle terme, Ischia regala anche momenti di storia che culminano nelle antiche mura del Castello Aragonese. In ultimo, il profumo dei limoni preannuncia una terra ricca di sapori, dove il palato non resterà certo deluso e potrà trarre il massimo beneficio da uno dei tanti ristoranti ischitani.

Dunque, da buona padrona di casa, Ischia, non si risparmia nell’offrire ai suoi ospiti piaceri per il corpo e per la mente, lasciando che l’ospitalità e la cortesia diventino una nota comune tra i suoi abitanti.

1° GIORNO AD ISCHIA – 19 giugno 2015

Arriviamo a Napoli giovedì 18 giugno con il treno delle h19.25-23.45 e alloggiamo in un albergo vicino alla stazione, imbarcandoci per Ischia l’indomani.

Venerdì mattina ci alziamo presto e andiamo al porto di Napoli Beverello, chiamando un taxi per 5 tramite la reception dell’albergo…nel senso che noi siamo in 5, ma con l’autista 6…fa niente, ci stringiamo un po’ e si va via lisci! Arriviamo al porto e c’è già una lunga coda all’imbarco della Alilauro, che è la compagnia del nostro aliscafo. Abbiamo già i biglietti, acquistati al sito http://www.traghetti-ischia.info, quindi ci mettiamo semplicemente in fila. L’aliscafo è quello delle h09.40-10.30, anche se in realtà alle h10.30 arriva a Ischia Porto e alle h11.00 a Forio d’Ischia, la nostra fermata.

Al porto di Forio ci attende sorridente Salvatore dell’autonoleggio In Scooter  per consegnarci la mitica fiat 600 gialla, che ci scarrozzerà in giro per l’isola nei due giorni successivi. Ora immaginatevi: siamo in 5, con 4 trolley e 2 zaini…dite che arriviamo fino all’albergo se saliamo tutti?!

ForioForio significa “fiorito” e si capisce perché: il viola delle bouganville macchia il verde intenso dei cespugli, donando quel tocco di vivacità che richiama lo spirito del posto! A Forio infatti l’atmosfera è frizzante: il sole è caldo, c’è chi è affaccendato nei pressi del porticciolo e chi si rilassa nei tavolini di qualche bar all’aperto sullo sfondo delle case colorate. Ischia mi piace.

La 600 ci porta all’ Hotel Costa Citara, che ha una bellissima piscina termale all’ingresso! In realtà, che fosse termale, l’abbiamo scoperto solo l’ultimo giorno. La struttura dell’albergo e l’arredamento delle camere non sono nuovi, ma funziona tutto; c’è un parcheggio interno gratuito, che nel nostro caso si è rivelato utile, e una bella area relax con sdraio e tavolini in prossimità della piscina. Il personale è molto cordiale, la colazione non è abbondante, ma nel complesso è sufficiente per le nostre esigenze.

Baia di San MontanoPrendiamo le camere, ci cambiamo e alle h12.30 siamo già alla spiaggia di San Montano! La baia di San Montano si trova in un’insenatura completamente immersa nel verde e, a detta di molti, è la spiaggia migliore di Ischia. L’acqua è pulita, anche se un po’ freddina al primo impatto, e c’è poca gente, forse perché è giugno. Infatti penso che questo sia davvero il periodo migliore per godersi al meglio le bellezze dell’isola. Inoltre, anche a livello di traffico e parcheggi, non abbiamo mai avuto problemi. Nella spiaggia ci sono lettini e ombrelloni (9,00 euro/lettino e 7,00 euro/ombrellone), ci sono le docce e un bar. Insomma, ci sono davvero tutti gli ingredienti per lasciarsi andare al puro relax. E così facciamo, perdendo completamente la cognizione del tempo.

Panorama dal BelvedereVerso le h19.00 andiamo al belvedere di Serrara Fontana, costruito nel 1930, ai piedi del monte Epomeo, la punta più alta dell’isola. Davanti a noi si apre una bellissima veduta sul mare e sulla cittadina di Sant’Angelo e, mentre i nostri occhi si perdono nell’immensità del paesaggio, il sole inizia a tramontare.

Torniamo indietro lungo la strada a ovest del paese e ci fermiamo in una rientranza per osservare meglio il tramonto, seguendo passo dopo passo la palla infuocata che si nasconde all’orizzonte. Tra una foto e l’altra ci regaliamo qualche minuto di silenziosa contemplazione.

Tramonto a IschiaPer cena ci dirigiamo al Ristorante l’Oasi in Via San Gennaro a Panza, consigliato da una cara amica. Il posto non è facile da trovare e questo, unito al fatto che non è ancora alta stagione, spiega perché ci sia poca gente. Non può esserci infatti una spiegazione diversa, dal momento che il resto è perfetto: la romantica terrazza con una vista sui pendii che fanno da sipario al mare, il tronco di un antico albero che attraversa la struttura e sembra quasi sorreggerla, il cibo squisito e l’ospitalità del proprietario ci lasciano un gradevole ricordo di questa serata. Il menù prevede antipasto di mare (tra cui carpaccio di polpo, salmone, alici marinate e tonno), gli scialatielli con cozze e pecorino (un sublime accostamento di sapori che non avevo mai provato!)  e il filetto di tonno speziato avvolto in foglia di fico. Il tutto accompagnato da un buon vino per circa 30,00 euro/persona. Assolutamente da provare!

Per smaltire passeggiamo tra le viuzze di Forio, entrando in qualche negozietto ancora aperto a caccia di ceramiche e scorzette al limone, e più tardi torniamo in albergo.

Buona notte Ischia, il nostro primo incontro è stato un vero piacere!

About the Author

Viaggiconme
Author with 69 posts
More about Viaggiconme

Mi chiamo Silvia e amo viaggiare. Dopo tanti bellissimi viaggi fai da te, è diventata sempre più forte la mia voglia di condividere la ricchezza e l'esperienza che ogni viaggio mi regala: nasce così ViaggiConMe. ViaggiConMe condivide tutto ciò che un viaggio può ispirare: racconti, immagini, riflessioni, emozioni, citazioni, notizie, consigli e soprattutto la voglia di andare.

Related Articles

Leave a Comment

About me

I prossimi viaggi

Agosto 2017 - Perù